Home Vacanze italiane

Vacanze Italiane: tour di Milano in 3 tempi

Il Duomo di Milano, prima tappa del nostro tour
Avatar
Scritto da Marketing

In questa seconda tappa della rubrica Vacanze italiane, continuiamo a viaggiare tra i meandri del capoluogo lombardo con 3 tour di Milano, modulabili a seconda del tempo a tua disposizione. Se non sai ancora cosa vedere, quali piatti provare e, soprattutto, dove parcheggiare, ti consigliamo di dare un’occhiata al nostro articolo precedente (qui il link).

Nelle prossime righe ti forniremo una panoramica sulle principali attività che potrai fare, quali musei visitare e gli itinerari più adatti per un tour di 24, 48 o 72 ore. Se ti sposti in auto, puoi optare per la proposta di parcheggi Onepark presenti in città, così da goderti una soluzione su misura per te!

Tour di Milano in 24 ore

Le tempistiche quando si viaggia sono un fattore da considerare, ragion per cui se vuoi vedere ogni quartiere di Milano, assaggiare tutti i piatti che la capitale meneghina può offrirti e visitare qualsiasi mostra, museo o evento del capoluogo, sappi che 24 ore non ti basteranno. Riducendo le aspettative e limitando gli spostamenti, però, è possibile ammirare le attrazioni principali che la città ti offre.

Cosa vedere

Visto il tempo ridotto, ti consigliamo di rimanere nella zona più centrale, quella che va da Parco Sempione a Palazzo Reale passando per il Quadrilatero della moda. Se arrivi in auto alla prima tappa dell’itinerario, puoi optare per un parcheggio nelle vicinanze di Piazza Duomo confrontando le proposte su Onepark.

Ora, che il tour abbia inizio!

Duomo di Milano

La cattedrale gotica milanese è il simbolo della città, capeggiata dalla statua in oro della Madonnina e decorata con grandi rosoni colorati e marmi chiari. Per effettuare la visita in tutta tranquillità e godere della vista della città dalle terrazze della chiesa ti consigliamo di prenotare in anticipo i biglietti, in quanto la coda potrebbe essere piuttosto lunga.

Galleria Vittorio Emanuele

La Galleria Vittorio Emanuele ricorda i fasti di un tempo: archi dorati che sostengono cupole vetrate, pavimenti decorati, caffè storici e negozi di lusso. Una volta al suo interno non potrai fare a meno di recarti al mosaico del toro. Si tratta di un rito scaramantico estremamente semplice: tre giri sui testicoli del toro con il tallone del piede destro. Fatto?

Mosaico del toro, presente in Galleria Vittorio Emanuele

Teatro alla Scala

La Scala è uno dei teatri più prestigiosi d’Italia e d’Europa. Che tu abbia o meno acquistato un biglietto per uno spettacolo, far cadere lo sguardo sull’edificio bianco e sull’ingresso porticato prima di dirigersi in zona Brera è sicuramente da fare!

Brera

Brera è forse uno degli angoli più rappresentativi di Milano, con palazzi antichi e viuzze strette. Sede della celebre Accademia di Brera e rinomata per le gallerie d’arte e i negozi di antiquariato e modernariato, questa zona è diventata il quartiere degli artisti.

Oltre alle bellissime vie in cui perdersi, a Brera puoi ammirare anche l’Orto Botanico, l’Osservatorio e il Museo Astronomico, tra gli altri.

Pinacoteca di Brera

Con oltre 40 sale a disposizione, la Pinacoteca di Brera, sede anche dell’Accademia di Belle Arti, è un tripudio di opere artistiche italiane e non. Bramante, Raffaello, Caravaggio, Piero della Francesca, Mantegna, Canaletto e Rembrandt sono solo alcune delle celebrità presenti. Ulteriore chicca? All’interno del Palazzo è possibile visitare anche la Biblioteca Nazionale Braidense.

Pinacoteca di Brera, nonché sede dell'Accademia di Belle Arti di Milano

Quadrilatero della moda

Prima di dirigerti nuovamente in Piazza Duomo, ti consigliamo di passare per il quadrilatero della moda, un incrocio di vie capeggiate da Via della Spiga e Montenapoleone. Passeggiando per le strade ti accorgerai che eleganza e lusso sono le parole d’ordine per questo quartiere dalle scintillanti vetrine.

Palazzo Reale o Museo del ‘900?

Una volta tornato in zona Duomo la domanda che potresti porti è la seguente: visita a Palazzo Reale o Museo del ‘900? Le collezioni sono ugualmente interessanti, dipende dai tuoi gusti, se preferisci l’arte classica o quella contemporanea, noi per precauzione ti lasciamo i link per accedere ai siti.

Via Dante e Castello Sforzesco

Concludiamo la prima giornata raggiungendo uno dei polmoni verdi della città. Passando per Via Dante, da cui si possono ammirare gli edifici storici del centro, ci si dirige verso il Castello Sforzesco. Qui le opzioni tra cui scegliere sono diverse: una visita al Castello, un giro presso la mostra della Triennale o una passeggiata al Parco Sempione per finire la giornata seduti sul prato.

Fontana e Castello Sforzesco, uno dei simboli di Milano

Tour di Milano in 48 ore

Due giorni possono bastare per vedere le attrazioni principali della città senza troppa fretta, concedendosi, di tanto in tanto, una sosta al parco o un caffè al bar. Sfruttando le tappe del tour di Milano in 24 ore, qui di seguito ti elenchiamo tutto ciò che devi vedere con un altro giorno a disposizione.

Cosa vedere

Partendo da dove ci siamo lasciati, possiamo ricominciare la visita da Parco Sempione. Anche in questo caso puoi parcheggiare comodamente in zona consultando le varie proposte all’interno di Onepark.

Arco della Pace

Luogo di eventi la sera e zona calma e tranquilla la mattina, l’Arco della Pace è uno degli emblemi di Milano, una costruzione edificata per la pace raggiunta tra le nazioni europee durante il Congresso di Vienna.

Arco della Pace a Milano

Chinatown

Dall’Arco della Pace a Chinatown si arriva in pochi minuti. Nessun monumento specifico da vedere solo la possibilità di perdersi tra le vie di questo quartiere milanese caratterizzato da grossisti di abbigliamento, ristoranti delle diverse regioni cinesi e piccoli mercati di prossimità ricolmi di spezie e prelibatezze orientali.

Corso Como e il quartiere di Porta Nuova

La zona vicino alla Stazione Garibaldi ha subito diversi interventi negli anni, restaurandosi completamente e diventando uno dei punti nevralgici della città.

Assolutamente da fare una passeggiata per Corso Como, una delle principali vie dello shopping milanese, un giro per Piazza Gae Aulenti e una sosta al Parco Biblioteca degli Alberi da cui si possono vedere i grattaceli del Bosco Verticale.

Vista del complesso del Bosco Verticale a Milano

Quartiere Isola

Un tempo zona industriale, il quartiere Isola si è rinnovato con locali di tendenza e posti più o meno celebri in cui ascoltare Blues, Jazz, Rock anni ’50 e ‘60 e molto altro.

Tour di Milano in 72 ore

Per le ultime 24 ore a Milano abbiamo deciso di cambiare completamente zona. Anche oggi ti consigliamo di sostare presso uno dei nostri parcheggi nelle vicinanze dell’itinerario.

Cosa vedere

Basilica di Santa Marie delle Grazie e Cenacolo Vinciano

Esempio di architettura rinascimentale, la chiesa è nota soprattutto per ospitare l’affresco de “L’ultima cena”, dipinto da Leonardo da Vinci. Se vuoi ammirare il capolavoro, patrimonio dell’umanità, ti consigliamo di prenotare i biglietti con largo anticipo, in quanto la preservazione dell’opera richiede misure estremamente rigide.

Sant’Ambrogio e Museo della scienza e della tecnologia

Dopo una visita alla Basilica di Sant’Ambrogio, probabilmente la chiesa più antica di Milano, spostati solo di qualche metro e inizia il tour presso il Museo della scienza e della tecnologia, tra sottomarini, navicelle spaziali, opere di ingegneria progettate da Leonardo e molto altro. Per le collezioni e la prenotazione dei biglietti puoi controllare sul sito dello spazio espositivo.

Navigli

Ultima tappa del tour: i Navigli. Questo sistema di canali navigabili che attraversano la città si riempiono dalle 18 in poi, in qualsiasi giorno della settimana.

Per concludere la tua tre giorni milanese un aperitivo in questa zona è d’obbligo!

Vista del Naviglio Grande a Milano di sera

Sull'autore

Avatar

Marketing

Lascia un commento